giovedì 1 dicembre 2016

Chapecoense, funerali allo stadio coi tifosi. Gli altri club continentali si mobilitano

Tristezza e disperazione del giorno dopo sono infiniti. Il drammatico incidente aereo di Medellin conta 71 vittime, tutta la squadra di calcio brasiliana della Chapecoense, tranne tre (Ruschel, Neto e Follman), sopravvissuti ma in gravi condizioni. A Follman, il portiere titolare, è stata amputata una gamba ed è a rischio anche l'altra. 



Colpisce il racconto dei sopravvissuti: «Noi salvi perché abbiamo rispettato le regole; abbiamo assunto posizioni fetali e messo una valigia tra noi e i sediolini».  
Il mondo del calcio internazionale piange i campioni del club di Chapecò. Il Santos ha offerto giocatori per concludere la stagione, ma anche tantissimi club brasiliani hanno subito promesso sostegno; tanta solidarietà è arrivata da ogni parte del mondo e tanta ne arriverà in questi giorni. 
Migliaia di tifosi del club Chapecoense ieri si sono radunati in modo spontaneo all'Arena Conda, per onorare i membri della delegazione del club deceduti nella catastrofe. Durante il giorno, familiari, amici e conoscenti dei defunto, nonché i lavoratori del club, erano arrivati allo stadio per aspettare insieme novità sui propri cari.
Inoltre, fin dal mattino, gruppi di tifosi si sono raccolti al di fuori dell'impianto per fornire incoraggiamento, sostenere i giocatori in rosa che non erano partiti per la Colombia e pregare insieme. Uno di questi, il terzo portiere Nivaldo ha annunciato che si ritirerà dal calcio. Nella chiesa di Chapeco si è poi tenuta una messa in omaggio dei morti. Il club ha offerto lo stadio per commemorare i funerali delle vittime brasiliane, in Brasile domani.  Intanto, da capire le ragioni della tragedia. Possibile che l'aereo sia rimasto senza carburante. Una registrazione di un dialogo tra torre di controllo e pilota lo confermerebbe: «Siamo in avaria totale, e senza carburante». Già ritrovate le due scatole nere.

Post più popolari