sabato 25 giugno 2016

Brexit, come cambia il calcio in Europa e in Premier League

E' Brexit e la Premier League trema. Con l'uscita della Gran Bretagna dalla UE, le conseguenze sul campionato inglese rischiano di essere enormi, ma prima di conoscere i nuovi scenari e regolamenti bisognerà attendere una serie di passaggi e - soprattutto - la formazione del nuovo governo che dovrà dialogare con la FA e Uefa per definire i posti spettanti ai nuovi extracomunitari.



Il percorso sarà graduale (entro i prossimi 12-18 mesi non sono attesi stravolgimenti), ricco di tappe incerte e passaggi estremamente delicati per gli equilibri economici della Premier League. 
I primi riflessi sono nell'aria. Il crollo della sterlina registrato dalla Borsa può sortire da subito degli effetti sul potere d'acquisto delle società e, soprattutto, sul valore dei calciatori 'Extra-ue' che militano nelle competizioni britanniche (ad oggi sono circa 332) e su quello dei tesserati 'Ue', in crescita. Senza dimenticare che molti nuovi giocatori considerati 'stranieri' potrebbero pensarci due volte prima di trasferirsi in un Paese che ha tagliato i ponti con il resto dell'Europa. Va ricordato, infatti, che con il regolamento vigente le norme sugli extracomunitari sono legate ad una determinata percentuale sulle presenze in Nazionale dei giocatori. Il vantaggio per i presidenti italiani, invece, potrebbe essere quello di ottenere uno sconto sui nuovi 'stranieri' della Premier League mentre il nuovo cambio di rotta (quasi) consiglierebbe i nostri direttori a scartare dal tavolo degli affari le società britanniche dopo il calo della sterlina. In futuro alla Juventus forse converrà trattare il cartellino di Pogba più con il Real che con il City. 
Un altro passaggio riguarda poi l'articolo 19 della Fifa sui trasferimenti dei giovanissimi tra i 16 e 18 anni ancora senza contratto da professionista all'interno dell'UE o See (Spazio economico Europeo). Con la 'Brexit' i club britannici non potranno più strappare ai vivai europei i talenti emergenti. I nuovi Pogba e Fabregas - per intenderci – non sarebbero acquistabili Oltremanica. E mentre i ragionamenti, gli scenari e i timori si rinnovano di ora in ora in attesa di un quadro più completo (c'è chi ipotizza che in futuro gli inglesi potrebbero essere equiparati ai comunitari come gli svizzeri) qualcuno ama ricordare altri due aspetti: con la vittoria del 'Leave' calciatori come Payet e Martial non avrebbero potuto giocare in Premier League, ci potrebbero essere anche delle difficoltà economiche per il trasferimento dei capitali extraeuropei.

Post più popolari